Lavare le mascherine: i modi migliori e più efficaci a seconda del tipo

Le mascherine di cotone o di stoffa sono diventate un elemento essenziale da avere, per proteggersi dal virus. Come lavarle in modo ottimale a seconda del tipo?

Ormai la mascherina è diventata un must da avere e indossare per tutti, ovviamente per proteggersi dal Covid-19. Da questo punto di vista, come tutti sanno, ci sono diversi tipi di mascherina, da quelle chirurgiche, alle ffp2 e ffp3, fino a quelle in cotone o in stoffa, che ovviamente devono essere omologate per la protezione. Ma molti si chiedono, come lavare le mascherine di cotone o di stoffa? Ogni quanto bisogna farlo e dopo quanti lavaggi? Ecco cosa bisogna sapere a riguardo!

Come lavare le mascherine nei diversi materiali lavabili

Prima di tutto, è bene distinguere i vari tipi di mascherina. Ci sono le chirurgiche e poi, oltre ai tipi che proteggono di più, come, l’ffp1, l’ffp2 e l’ffp3, ci sono le mascherine lavabili, ovvero quelle di stoffa o in cotone.

Per questi tipi è necessario il lavaggio dopo l’utilizzo, in quanto non si possono riutilizzare più volte senza essere state lavate e igienizzate. Se non si può fare dopo ogni utilizzo, si consiglia di di mettere dentro un sacchetto di carta, non di plastica, e attendere due giorni prima di poterla riutilizzare.

Come lavare le mascherine in stoffa?

La mascherina in stoffa è possibile lavarla sia a mano sia in lavatrice, con acqua e sapone e con un detergente delicato. Una volta fatto questo si possono asciugare con una asciugatrice ad alte temperature. Se non si possiede un’asciugatrice si può stenderla e dopo usare il ferro da stiro.

Come lavare le mascherine in cotone?

Anche per la mascherina in cotone il metodo è quello del lavaggio a mano o in lavatrice.

Si può inoltre disinfettare procurandosi della polvere disinfettante e della candeggina. Si prepara un composto in una vaschetta da bucato, di 5 litri d’acqua con 150 ml di candeggina e 100 grammi di polvere sterilizzante. Si immerge poi la mascherina e la biancheria e la si lascia lì per circa un’ora e poi si può procedere con il lavaggio in lavatrice, con un ciclo a 90°.

Come lavare le mascherine chirurgiche

Uno studio di Altroconsumo del gennaio 2021 ha inoltre messo in luce come sia possibile lavare e utilizzare nuovamente anche le mascherine chirurgiche. Secondo il test effettuato, l’effetto di queste mascherine resta infatti invariato fino a cinque lavaggi: considerando il grande impatto ambientale, dovuto all’uso massiccio, questo permetterebbe di rispettare maggiormente l’ecosistema.

Per quel che riguarda la temperatura: il test di altroconsumo ha verificato la tenuta delle mascherine chirurgiche in lavatrice con un lavaggio a 60 gradi, anche se anche con 30 gradi è possibile la santificazione.

Fonte:  https://www.donnaglamour.it/come-lavare-le-mascherine/chiedilo-alla-nonna/?utm_source=welcoming&utm_medium=newsletter&utm_campaign=chiedilo-alla-nonna&refresh_ce

Precedente Gli ambiti nutrizionali per favorire uno stile di vita sano e attivo Successivo Difese immunitarie e invecchiamento